Huawei, presentato a Monaco il Mate 9

E’ stato Richard Yu, il CEO di Huawei in persona a presentare a Monaco il tanto atteso Mate 9.

Finalmente, dopo tanti rumors, il top di gamma dell’azienda cinese ha visto la luce. Huawei, terza azienda a livello mondiale per la produzione di smartphone, ha deciso di surclassare Samsung.

E Richard Yu non lo sottace anzi, sul concorrente sudcoreano fa anche dell’ironia: “Nel Mate 9 non ci sono surriscaldamenti, non ci sono trasformazioni di tensione all’interno dell’apparecchio, non ci sono esplosioni”, riferendosi ovviamente al “fumante” Galaxy Note 7.

E se per paura che il messaggio non arrivasse chiaro e forte, alla presentazione spunta una slide che mostra il Mate 9 a confronto con il Samsung Galaxy S7 Edge durante la ricarica: il primo rimane freddo, l’altro si surriscalda.

Il Mate 9 può contare su una batteria da 4000mAh che, grazie a una tecnologia che il CEO definisce “visionaria”, si carica in pochi minuti e garantisce due giorni interi di autonomia. “Basta mezz’ora per stare tranquilli tutta la giornata”, dice Yu.

A garantire tanta autonomia a questo device non è solo la batteria ma anche un sistema di intelligenza artificiale che ottimizza i consumi e le prestazioni dello smartphone.

Questo sistema è capace di sistemare le app meno utilizzate in una parte di memoria separata, dando la priorità a quelle più usate. In questo modo, anche a distanza di mesi il Mate 9 rimane veloce come il primo giorno.

Altra novità venuta fuori a Monaco riguarda il design: è stato presentato una versione del Mate 9 realizzata da Porsche Design che mostra un display da 5,5 pollici, curvo ai lati come lo “scoppiettante” Galaxy Note 7.

Per il rappresentante di Porsche a Monaco: “I principi di precisione, ergonomia e solidità di Porsche sono gli stessi di Huawei, e molti prodotti Porsche Design esistono perché non abbiamo accettato lo stato dell’arte e siamo andati oltre. Il Mate 9 offre un’esperienza smartphone rivoluzionaria, nata dal desiderio di produrre un apparecchio all’altezza delle aspettative dei nostri clienti. Siamo molto orgogliosi del risultato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.