Garante della Privacy ha multato Wind Tre e Iliad

Garante della Privacy ha multato Wind Tre e Iliad

La questione “privacy” è sempre più sentita, e le regole da seguire sono ben chiare e ferree: i dati personali e sensibili vanno trattati solo per il trattamento per cui sono stati autorizzati, e nei limiti previsti dalla stessa legge.

Eppure sono tanti coloro che con la loro condotta violano le direttive nazionali ed europee: gli ultimi, in ordine di tempo, a essere pizzati sono due colossi della telefonia.

Il Garante della Privacy ha infatti reso noto di avere inflitto delle sanzioni ai danni di WINDTRE e Iliad per un valore complessivo di quasi 18 milioni di euro.

La sanzione inflitta a WINDTRE è di circa 17 milioni di euro e riguarda numerosi trattamenti illeciti di dati, legati prevalentemente ad attività promozionali.

Gli utenti hanno lamentato, si legge nel provvedimento, di aver ricevuto promozioni indesiderate via SMS, email o telefonate; ai clienti, in particolare, era stato impedito, ha scritto il Garante, “di poter esercitare il proprio diritto di revoca del consenso o di opposizione al trattamento dei loro dati per finalità di marketing”.

Il Garante ha inoltre riscontrato “gravi illeciti” nella filiera dei partner commerciali di WindTre con “impropria attivazione dei contratti”. Uno dei call center è stato multato per 200mila euro.

A Iliad è stata invece comminata una multa per 800mila euro, ma per ragioni differenti. Iliad, infatti, ha violato le norme sull’accesso e la conservazione dei dati: gli addetti al servizio clienti potevano accedere ai dati di traffico degli utenti in chiaro per un periodo superiore ai sei mesi.

foto@Wikipedia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *