Esistono pianeti attorno a stelle come il Sole e possono ospitare la vita

Esistono pianeti attorno a stelle come il Sole e possono ospitare la vita

Attualmente il nostro pianeta risulta essere l’unico ad ospitare la vita, ciò non toglie però che esistono pianeti vicino a stelle come il Sole che potrebbero ospitarla.

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista Nature suggerisce che i pianeti nei sistemi binari costruiti attorno a stelle simili al sole potrebbero essere grandi bersagli nella ricerca di vita extraterrestre, che potrebbe portare all’umanità il risultato desiderato.

I ricercatori ritengono che i mondi che ruotano attorno a sistemi binari, che consistono in due stelle bloccate gravitazionalmente e in orbita l’una intorno all’altra, possano essere il modo migliore per ricercare, secondo i ricercatori dell’Università di Copenaghen, più della metà delle stelle delle dimensioni del sole sono nei sistemi binari, dove l’energia rifornisce la regione Abitabile all’esterno e la ingrandisce.

I risultati hanno determinato che queste stelle stanno riscaldando i mondi l’una dell’altra, aumentando le possibilità di orbitare attorno a un pianeta con acqua liquida.

Il professor Jess Christian Jorgensen, uno degli autori principali dello studio, ha dichiarato: “Il risultato è entusiasmante perché la ricerca della vita extraterrestre sarà dotata di molti nuovi strumenti molto potenti nei prossimi anni, e questo rafforza l’importanza di capire come si formano i pianeti intorno a diversi tipi di stelle. Risultati come questi possono identificare luoghi che sarebbero particolarmente interessanti per cercare la presenza della vita“.

Nel loro studio, i ricercatori osservano che la scoperta si basa sulle osservazioni di una giovane stella doppia a circa 1.000 anni luce dalla Terra da parte del telescopio Atacama in Cile, nota come NGC 1333-IRAS2A circondata da un disco di gas e polvere, quindi il i ricercatori hanno sviluppato una simulazione al computer che viaggia avanti e indietro nel tempo.

La rotazione di gas e polvere, ad esempio, non segue uno schema coerente, diventando molto forte per periodi di tempo “relativamente” brevi nell’arco di migliaia di anni, e la stella binaria si illumina fino a cento volte prima di tornare al suo stato originale, poiché le due stelle si circondano, i ricercatori ritengono che questo modello periodico possa essere spiegato dalla dualità.

La gravità del giunto influenzerà il disco circostante a intervalli regolari, provocando la caduta di enormi quantità di detriti verso la stella.

È probabile che le comete svolgano un ruolo importante nel creare il potenziale per lo sviluppo della vita”, ha affermato Jorgensen nel rapporto. “Le comete spesso contengono un’alta percentuale di ghiaccio con molecole organiche” spiegano.

“Si può immaginare che le molecole organiche siano conservate nelle comete durante le ere in cui il pianeta è sterile, e che gli effetti delle successive comete introdurranno le molecole sulla superficie del pianeta, e il riscaldamento causato dalle esplosioni porterà alla evaporazione della polvere e dei granelli di ghiaccio circostanti, e questo può modificare la composizione chimica del materiale che lo compone I pianeti e le lunghezze d’onda coperte dal telescopio ci permettono di vedere molecole organiche molto complesse, e quindi molecole che contengono 9-12 atomi e contengono carbonio, possono essere elementi costitutivi per molecole più complesse che sono la chiave della vita come la conosciamo, ad esempio gli acidi e gli amminoacidi che si trovano nelle comete”.

Fonte: Sputnik International

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *