Elon Musk troppo ambizioso si ma per il bene di Tesla

Elon Musk troppo ambizioso si ma per il bene di Tesla

Elon Musk è troppo ambizioso ma per il bene di Tesla

Ad aprile, Elon Musk ha ammesso che Tesla si è sparata ai piedi tentando di automatizzare eccessivamente il suo processo di produzione. “Gli umani sono sottovalutati“, aveva twittato.

Tesla d’altronde è arrivata dove è arrivata perché Musk aveva ordinato agli ingegneri di capire come “automatizzare tutto” per la produzione del Modello 3, l’auto elettrica che si era impegnato a vendere sul mercato di massa per 35.000 dollari. Musk ha insistito sull’automazione per le preoccupazioni del suo team, che ha avvertito che i robot non erano adatti per alcune fasi di produzione, come l’installazione dei sigilli sulle porte delle auto, ha riferito ieri la CNBC (19 ottobre). I costosi dei robot che Tesla ha acquistato per il lavoro non hanno mai funzionato correttamente e sono stati messi fuori uso durante l’estate.

Se il mea culpa di Musk in aprile era insolito, l’incidente dell’automazione è stato “emblematico” dello stile di gestione di Musk, secondo quanto riportato da CNBC:

Interviste con 35 dipendenti attuali e precedenti descrivono un ambizioso CEO la cui spinta a fare tutto da zero a volte ha compromesso il suo processo decisionale, portandolo ad approvare progetti costosi che hanno fallito e ritardato la produzione. Hanno anche descritto le occasioni in cui Musk ha rifiutato di prendere in considerazione metodi pionieristici di altre case automobilistiche e ha ignorato i consigli dei veterani del settore all’interno delle fila di Tesla.

Le telecamere ad alta risoluzione hanno scattato foto di auto completate e le hanno inviate agli ispettori di altri settori della fabbrica per approvare o segnalare in remoto. Ma gli ex dipendenti hanno detto alla CNBC che le telecamere non hanno sempre avuto una visione chiara delle parti importanti e hanno anche intralciato la strada dei lavoratori.

Si supponeva che il “tappeto magico” fosse un nastro trasportatore controllato da software che trasferiva parti agli addetti alla produzione del modello 3. Secondo quanto riferito, Tesla avrebbe pianificato di spendere 40 milioni di dollari per il progetto e vi avrebbe dedicato 20 ingegneri per tre mesi, ma il sistema non ha mai funzionato.

Tesla è stato anche costretto dal micromanaging di Musk e dall’insistenza che faccia le cose in modo diverso dalle case automobilistiche tradizionali. Musk ha respinto tutto, dai metodi organizzativi alla terminologia industriale utilizzata da aziende come GM e Toyota, secondo quanto riferito da CNBC, preferendo che si sviluppasse il proprio approccio. Musk ha anche spinto Tesla a costruire il proprio software invece di affidarsi a programmi aziendali di aziende come SAP. I dipendenti hanno dichiarato alla CNBC che i programmi erano spesso incompleti e che le informazioni potevano perdersi tra i molti disparati sistemi.

Tesla ha raggiunto l’obiettivo di produrre oltre 5.000 vetture Model 3 a settimana nel terzo trimestre. Ma il prezzo di 45.000 dollari è ben lontano dall’obiettivo dei 35.000 (Tesla sostiene che il costo reale è più vicino a 30.000 quando si applicheranno incentivi fiscali federali, sconti statali e risparmi sul gas). L’azienda non è neanche lontanamente in grado di produrre le 500.000 auto elettriche che Musk ha previsto nel 2016 .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *