Dl Concretezza, i dipendenti pubblici identificati dalle impronte digitali

Dl Concretezza i dipendenti pubblici identificati dalle impronte digitali

Da parecchi anni ormai si è intensificata la lotta ai cosiddetti “furbetti del cartellino”, cioè coloro, impiegati della pubblica amministrazione, che attestavano falsamente la presenza in servizio propria e dei colleghi, coprendosi a vicenda.

Un’annosa brutta abitudine che si sta cercando di eradicare, prevedendo anche il licenziamento diretto e senza preavviso per chi viene beccato a timbrare cartellini altrui e per chi non è presente in ufficio quando dovrebbe esserlo.

Ma la ministra della Pubblica Amministrazione, Giulia Buongiorno, non si accontenta di quanto fatto finora e col decreto legge Concretezza sono state previste novità ancora più vincolanti.

“Fino ad oggi la facevano franca in troppi, ora con le impronte digitali e la videosorveglianza preveniamo il fenomeno. E’ finita l’epoca delle truffe”, dice il ministro, parlando dell’entrata in vigore della legge Concretezza.

In pratica, il provvedimento introduce sistemi biometrici e di videosorveglianza degli accessi per i dipendenti delle Pubbliche amministrazioni.
Il ministro rivendica poi il fatto che “la legge prevede la drastica riduzione dei tempi delle procedure concorsuali, nuove risorse in settori strategici e aiuti alle amministrazioni in affanno”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *