Brian Cox smentisce Musk: Su Marte ci andiamo nel 2040

Brian Cox smentisce Musk Su Marte ci andiamo nel 2040

Il fisico britannico Brian Cox ha confutato la tesi stabilita da Spacex, l’azienda di Elon Musk, sulla missione umana per Marte.

Sarei sorpreso se vedessi qualcuno lì prima del 2040“, ha detto Cox, e ha anche risposto alla domanda se volesse andare sul Pianeta Rosso.

Secondo le informazioni condivise da EnSonHaber; Marte, a una media di 200 milioni di chilometri dalla Terra, è diventato il centro della ricerca della vita da parte dell’umanità.

Mentre la NASA continua la sua ricerca, il proprietario di SpaceX Elon Musk pensa che una missione con equipaggio sul Pianeta Rosso potrebbe avvenire nel 2029.

Il famoso professore di fisica britannico, è del parere che non sia possibile viaggiare su Marte fino al 2040.

Sarei sorpreso se vedessi qualcuno lì prima del 2040 al più presto. Mi piacerebbe però sbagliarmi“, ha detto Cox al Mail.

Confrontando il viaggio su Marte e sulla Luna in passato, Cox ha detto: “Penso che sia stato ancora più difficile che andare sulla Luna negli anni ’60“.

Spiegando il motivo della sua dichiarazione, Cox ha detto: “Apollo era al limite delle nostre capacità negli anni ’60, al limite della tecnologia attuale. Penso che Marte sia forse un po’ oltre in questo momento“.

D’altra parte, il fisico britannico ha osservato che non sarebbe sorpreso se le infrastrutture necessarie per la vita umana sul Pianeta Rosso iniziassero ad essere inviate nei prossimi 10 anni.

Affermando che SpaceX è un’azienda straordinaria e che sta trasformando l’economia del volo spaziale, Cox ha detto: “Sono davvero bravi ingegneri, ma penso che le previsioni di Musk siano ottimistiche“. Ha aggiunto.

foto@NTNU – Norwegian University of Science and Technology, CC BY-SA 2.0, via Wikimedia Commons

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.