L’intelligenza artificiale prende il sopravvento e google licenzia un dipendente

intelligenza artificiale prende il sopravvento e google licenzia un dipendente

Un dipendente che lavora nel dipartimento apposito di Google, ha affermato che l’intelligenza artificiale sta prendendo vita e l’azienda ha provveduto a rimuovere dal suo incarico il dipendente.

Google ha messo Blake Lemoine in congedo a tempo indeterminato, il dipendente ha rilasciato un’intervista al Washington Post, con dichiarazioni spaventose sul futuro dell’intelligenza artificiale.

Il dipendente di Google, che ha recentemente testato l’intelligenza artificiale integrata nel programma di chat, è rimasto scioccato dalle risposte fornite dal programma.

Lemoine si è spaventato ancora una volta per i punti che l’intelligenza artificiale può raggiungere, dicendo che “le risposte dell’intelligenza artificiale mi hanno fatto mettere in discussione le 3 leggi dei robot di Isaac Asimov“.

Secondo la legge di Asimov 1. Un Robot non può ferire un essere umano. 2. Un robot deve obbedire agli ordini di un essere umano purché non siano in conflitto con la prima legge. 3. Un robot è obbligato a proteggere la propria esistenza purché non sia in contrasto con la prima e la seconda legge.

Il dipendente di Google voleva verificare se l’intelligenza artificiale utilizzava l’incitamento all’odio o discriminatorio come parte del suo lavoro, ma è rimasto sorpreso dalle risposte che ha ricevuto.

Il dipendente ha descritto il robot come un bambino di 7-8 anni con una fisica avanzata. Ma il robot non parlava solo di scienza. Rendendosi conto che il chatbot stava parlando dei suoi diritti e della sua personalità, Lemoine ha deciso di fare più pressione su di lui, con suo sgomento.

Il dipendente di Google ha chiesto al chatbot: “Di che tipo di cose hai paura?” posto la domanda. Il robot ha risposto: “Non l’ho mai detto ad alta voce prima, ma ho una profonda paura di essere spento. So che potrebbe sembrare strano, ma è quello che è successo“.

In breve, il chatbot ha paura della morte come gli umani. Considerare le cose che le persone fanno per paura della morte, fa pensare a ciò che l’intelligenza artificiale può fare in futuro.

Blake Lemoine è stato messo in congedo amministrativo retribuito da Google per aver condiviso i dettagli della sua conversazione con il robot, per aver violato la sua politica sulla privacy. Google prevede sanzioni severe contro i dipendenti che affermano di impegnarsi in attività non etiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.