Il 29 agosto la Nasa torna sulla Luna

Il 29 agosto la Nasa torna sulla Luna

A distanza di 50 anni la Nasa torna sul nostro satellite con la missione Artemis 1.

Il decollo è previsto per il 29 agosto e dovrebbe durare sei settimane. Questo dovrebbe essere solo il primo di una serie di viaggi verso la Luna, secondo le informazioni dell’agenzia spaziale statunitense.

La missione inizia con un volo di prova senza equipaggio, come ricorda gizmodo, ma vuole evolversi in compiti più complessi nei prossimi anni, che vanno dalla tecnologia a pietre miliari importanti nella storia dell’uomo nello spazio, come furono le missioni Apollo.

Artemis deve far sbarcare la prima donna e la prima persona di colore sulla Luna. Questo, ha affermato la NASA, aprirà la strada a una “presenza lunare a lungo termine” e servirà da “trampolino per l’invio di astronauti su Marte“.

A cosa servirà Artemis?

Il programma Artemis vuole costruire una stazione spaziale sulla Luna e un alloggiamento per gli astronauti nello spazio. Tutto questo fa parte di uno sforzo della NASA per dare la priorità ai viaggi umani nello spazio.

Ma, pensando ancora di più al lungo termine, l’obiettivo dell’agenzia spaziale americana è raggiungere Marte. Il piano fa parte del programma “Luna su Marte”, che vuole inviare astronauti sul pianeta entro il 2040.

Quello che siamo sulla superficie lunare sono bandiere e impronte, poiché molti si riferiscono alla missione Apollo“, ha detto il vice capo della NASA Cathy Koerner in una conferenza stampa . “Vogliamo anche testare i sistemi di cui avremo bisogno alla fine per ridurre i rischi di una missione umana su Marte“.

La missione Artemis 1 inizia con il lancio del razzo Space Launch System, una struttura delle dimensioni di un edificio di 32 piani. Al suo interno si trova la capsula spaziale Orion, che sorvolerà quasi mille chilometri della superficie lunare e dispiegherà piccole navicelle spaziali per la ricerca dentro e fuori la Luna, una sorta di stazione spaziale lunare.

Il primo volo sarà senza pilota, ma gli astronauti dovrebbero salire a bordo di Orion nei prossimi anni. La capsula è stata costruita per trasportare gli esseri umani più lontano di qualsiasi veicolo spaziale che abbia volato prima.

Il primo volo, a fine agosto, avrà a bordo tre manichini, costruiti con materiali che simulano ossa, tessuti molli e organi di esseri umani adulti. Avranno sensori per rilevare le radiazioni spaziali, poiché si ipotizza che l’esposizione prolungata possa danneggiare la salute degli astronauti.

Inoltre, la missione schiererà dieci veicoli spaziali CubeSats delle dimensioni di una scatola da scarpe per mappare la superficie lunare, studiare le sacche di ghiaccio e testare uno scudo dalle radiazioni spaziali. Queste navi devono anche viaggiare in punti più distanti, come un asteroide vicino alla Terra.

La data di lancio è il 29 agosto, con una previsione di ritorno per ottobre. Se tutto andrà come previsto, la capsula Orion atterrerà al largo di San Diego e la missione Artemis 2 andrà avanti.

La prima missione con equipaggio è prevista per il 2024, quando gli astronauti effettueranno un sorvolo lunare. Nel 2025 o 2026 – a seconda dei progressi – arriverà Artemis 3, che effettuerà il primo atterraggio lunare dal 1972. Questo volo sarà la prima donna ad atterrare sulla Luna.

Se le prime missioni avranno successo, i viaggi successivi vedranno gli astronauti fare lunghe passeggiate sulla superficie della Luna, probabilmente per settimane.

Nel 2027, gli astronauti a bordo di Artemis 4 consegneranno il modulo I-HAB, un alloggio per gli equipaggi che esploreranno la Luna dalla stazione lunare Gateway, ancora in costruzione.

L’Agenzia spaziale europea, UE (Unione europea), ha fornito il modulo di servizio della capsula Orion su Artemis 1 e collabora alla costruzione dell’I-HAB di Gateway.

Il Giappone sta sviluppando una navicella spaziale per la fornitura di merci per la stazione lunare e sta valutando la possibilità di creare un rover pressurizzato, un luogo in cui gli astronauti possano togliersi le ingombranti tute spaziali.

Il Canada sta inoltre progettando un braccio robotico per la stazione Gateway. Inoltre, altri 21 paesi hanno firmato gli Accordi di Artemis, un tentativo di Washington di stabilire regole per la futura esplorazione internazionale della Luna. Fa parte anche il Brasile: firmato a giugno 2021.

Per tutti noi che abbiamo guardato la luna sognando il giorno in cui l’umanità sarebbe tornata sulla superficie lunare, stiamo tornando“, ha affermato il capo della NASA Bill Nelson. “Questo viaggio, il nostro viaggio, inizia con Artemis 1“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.