Google Pixel, consegne in ritardo? Big G paga 50 dollari di risarcimento

Agli utenti americani che non hanno ricevuto in tempo lo smartphone Pixel, Big G paga sul suo Google Play Store 50 euro di risarcimento.

Se la consegna dei Google Pixel o Google Pixel XL fa ritardo, l’utente è risarcito con 50 dollari di credito.

Questa la decisione presa a Mountain View per far fronte alle lamentele e ai disagi causati dalla ritardata consegna dei suoi dispositivi.

Molti acquirenti, infatti, si sono visita cambiare la data di consegna degli smartphone e i tempi di attesa, con loro sorpresa, si erano dilatati a dismisura.

Probabilmente Big G non si aspettava una tale richiesta presentati lo scorso mese, perciò avrà avuto qualche difficoltà a soddisfare le numerose richieste.

In ogni caso bene ha fatto Google ad adottare la formula del “risarcimento”. Un gesto di “marketing” abile che mette a tacere i malumori e contribuisce a fidelizzare gli utenti che hanno scelto di acquistare i Pixel ma anche chi ci sta facendo solo un pensierino.

I 50 dollari valgono la proverbiale candela in termini di fiducia e di ritorno economico: non dimentichiamo che il ritardo è stato dettato anche da un eccesso di domanda e questo sicuramente è un dato positivo per Google. Un dato che fa presagire vendite favolose per lo smartphone di Mountain View.

Il credito dei 50 euro, però, lo possono ottenere solo gli utenti che hanno comprato i Pixel direttamente da Google.

Quanti hanno fatto il loro acquisto in uno dei tanti operatori americani, come Verizon, non potranno usufruire di questo bonus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.