Fortnite: vietato in Iraq, videogioco diseducativo

Fortnite vietato in Iraq videogioco diseducativo

L’Iraq vieta “Fortnite”, dicendo che i videogiochi stanno influenzando negativamente le nuove generazioni.

Il parlamento iracheno ha deciso di mettere al bando le uccisioni di massa, la violenza, la militarizzazione forzata dei bambini, la schiavitù, la corruzione politica e ad oggi anche i cattivi esempi per le nuove generazioni.

Ma questi dannati ragazzi e i loro videogiochi. Dovrebbero stare fuori, sapere cos’è la vera violenza invece di perdere tempo“.

Questa è stata l’opinione del religioso sciita iracheno la cui maggioranza coalizione politica nel parlamento iracheno ha criticato “Fortnite” e “PlayerUnknown’s Battlegrounds“, o PUBG, come videogiochi con influenze coinvolgenti e negative sui giovani, ed in una lettera chiede il divieto di tali giochi, secondo quanto appreso dalla Reuters .

Cosa guadagnerai se uccidessi una o due persone in PUBG?” Sadr ha scritto in un comunicato ottenuto da Reuters “Punti esperienza, si potrebbe presumere. Non è un gioco per l’intelligenza o un gioco militare che ti fornisce il modo corretto di combattere“.

Ufficialmente, il divieto è stato istituito “a causa degli effetti negativi causati da alcuni giochi elettronici sulla salute, la cultura e la sicurezza della società irachena, comprese le minacce sociali e morali a bambini e giovani“, afferma il rapporto.

Entrambi i giochi – “Fortnite” e PUBG – sono stati creati nel 2017 e hanno messo i giocatori l’uno contro l’altro in una battaglia per la sopravvivenza.

Di Fortnite in tutto il mondo, l’Iraq è in qualche modo l’unico paese in cui il gioco è una minaccia al tipo di corruzione giovanile che può portare a violenza settaria su larga scala.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *