Come funziona Moxie, il dispositivo che produce ossigeno su Marte

Come funziona Moxie il dispositivo che produce ossigeno su Marte

A più di 150 milioni di chilometri dalla Terra, uno strumento chiamato MOXIE a bordo del rover Perseverance ha prodotto circa 100 minuti di ossigeno respirabile sul pianeta rosso.

Il tasso di produzione è paragonabile a quello che produce un piccolo albero sul nostro pianeta. Il risultato rappresenta un passo importante verso le future missioni con equipaggio su Marte.

L’esperimento sull’utilizzo delle risorse di ossigeno in situ su Marte è meglio conosciuto come MOXIE. L’obiettivo di questo strumento è dimostrare un modo in cui i futuri esploratori potrebbero produrre ossigeno dall’atmosfera marziana per i propellenti e per la respirazione.

MOXIE ha le dimensioni di una batteria per auto. I futuri generatori di ossigeno che supportano le missioni umane su Marte dovranno essere circa 100 volte più grandi.

In uno studio pubblicato di recente sulla rivista Science Advances, i ricercatori riferiscono che, dall’atterraggio del rover nel febbraio 2021, MOXIE è stato in grado di produrre ossigeno sette volte durante l’anno marziano.

Lo strumento è stato condotto in una varietà di condizioni atmosferiche, compreso il giorno e la notte, e attraverso diverse stagioni marziane. In ciascuno dei test, lo strumento ha raggiunto il suo obiettivo di produrre sei grammi di ossigeno all’ora, circa quella di un piccolo albero sulla Terra.

Come accennato in precedenza, in futuro gli scienziati sperano di realizzare una versione ingrandita di MOXIE da utilizzare su Marte durante le missioni umane, in modo che produca continuamente ossigeno al ritmo di diverse centinaia di alberi. 

Lo strumento finale dovrebbe fornire abbastanza ossigeno respirabile per gli esseri umani una volta arrivati ​​e anche alimentare un razzo per riportare gli astronauti sulla Terra.

Questa è la prima dimostrazione dell’utilizzo effettivo delle risorse sulla superficie di un altro corpo planetario e della loro trasformazione chimica in qualcosa che sarebbe utile per una missione umana” , ha affermato in una dichiarazione.

Come funziona MOXIE

MOXIE respira come un albero, produce ossigeno inalando anidride carbonica ed esala ossigeno.

  • Aspira l’aria marziana attraverso un filtro che la pulisce dai contaminanti.
  • L’aria viene quindi pressurizzata e inviata attraverso il Solid Oxide Electrolyzer (SOXE), uno strumento sviluppato e costruito da OxEon Energy, che divide elettrochimicamente l’aria ricca di anidride carbonica in ossigeno e ioni di monossido di carbonio.
  • Gli ioni ossigeno vengono isolati e ricombinati per formare ossigeno molecolare respirabile (O2).
  • Infine, la quantità e la purezza dell’O2 vengono misurate da MOXIE prima che venga rilasciato nell’aria in modo innocuo, insieme al monossido di carbonio e ad altri gas atmosferici.

I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Science Advances.

foto@D Mitriy, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.