Adobe Project VoCo, 20 minuti per il voce-ritocco

Adobe ha presentato durante la conferenza di San Diego, un software davvero innovativo: si chiama Project VoCo e serve per “ritoccare” la voce.

Se per ritoccare le foto esistono programmi ricercati come il mitico Photoshop, per ritoccare la voce arriva Project VoCo di Adobe.

Come funziona? Semplice. Basta registrare la voce per 20 minuti e il software è in grado di ricrearla tale e quale.

Una volta ottenuto il discorso originale, lo si può modificare, si possono cambiare i discorsi togliendo o aggiungendo parti. Tutto questo lasciando sempre inalterato il timbro di voce del soggetto.

Adobe definisce questa sua ultima creatura come un motore di conversione vocale. A noi piace più la definizione voce-ritocco, perché in effetti VoCo è questo che fa.

Per funzionare, Project VoCo, dopo aver registrato i 20 minuti di parlato, si serve di algoritmi che analizzano il discorso, ne spezzettano le parole in singoli fonemi. Finita questa operazione, il software ci fornisce un modello vocale sul quale possiamo lavorare.

Per il momento Project VoCo è ancora in fase di sviluppo. Tuttavia un programma del genere, se da un lato si saluta come un’importante innovazione, dall’altro lascia un po’ di inquietudine.

Con Photoshop, infatti, abbiamo già detto addio alla veridicità delle immagini. Con VoCo diremo addio alla verità di quanto ascolteremo con le nostre orecchie?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *