Torna a casa la missione spaziale turistica di SpaceX

Torna a casa la missione spaziale turistica di SpaceX

Tre uomini d’affari e un ex astronauta della NASA sono atterrati al largo della Florida a bordo di una capsula SpaceX, dopo aver trascorso 15 giorni sulla Stazione Spaziale Internazionale come parte di una missione privata.

Ssecondo Agence France Presse, la capsula aveva lasciato la Stazione Spaziale Internazionale (ISS) 16 ore prima.

La navicella ha resistito alla vertiginosa discesa verso la Terra, grazie al suo scudo termico, ed è stata poi rallentata da enormi paracadute.

Organizzata dalla compagnia americana Axiom Space, la missione Ax-1 è stata la prima missione interamente privata a raggiungere la ISS.

Il viaggio avrebbe dovuto durare circa una settimana, ma le condizioni meteorologiche avverse hanno mantenuto la missione in orbita per quasi il doppio del tempo previsto.

I membri della missione Ax-1 sono l’ex astronauta Michael López Alegría e gli uomini d’affari Larry Connor (USA), Mark Pathy (Canada) ed Eytan Stibbe (Israele), che hanno pagato, secondo i media statunitensi, 55 milioni di dollari ciascuno per unirsi alla missione.

L’equipaggio dell’Ax-1 ha svolto esperimenti scientifici e attività educative e commerciali sull’EEI.

Axiom Space è stata fondata nel 2016 con lo scopo di creare la prima stazione spaziale commerciale, il cui primo modulo dovrebbe essere lanciato nel 2024.

Prima della missione Axiom Space, SpaceX aveva già trasportato astronauti dalla NASA e dalla controparte europea ESA alla Stazione Spaziale Internazionale, sostituendo il trasporto russo di lunga data fornito dalla navicella spaziale Soyuz dell’agenzia spaziale russa Roscosmos.

Il 2 aprile, Roscosmos ha annunciato che presenterà “proposte concrete” di date per porre fine alla cooperazione nella ISS, dopo che le controparti occidentali si sono rifiutate di revocare le sanzioni alle società russe in seguito all’invasione russa dell’Ucraina a febbraio.

L’8 dicembre l’eccentrico milionario giapponese Yusaku Maezawa si è recato all’EEI per un soggiorno di 12 giorni, grazie a una partnership tra Roscosmos e Space Adventures, compagnia americana che vende esclusivamente voli sulla navicella Soyuz alla “casa” degli astronauti in orbita terrestre .

La Stazione Spaziale Internazionale è il risultato di una partnership tra NASA, ESA, Roscosmos e le controparti canadesi CSA e giapponese JAXA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.