Ryanair scioperi: Non si risolvono i problemi con i piloti

Ryanair scioperi Non si risolvono i problemi con i piloti

Nei giorni scorsi un report aveva ufficialmente certificato che Ryanair non è più la compagnia low cost per eccellenza: se ai prezzi dei suoi biglietti si aggiungono i soldi richiesti per i bagagli ed in generale per qualsiasi altro servizio, le tariffe lievitano esponenzialmente, tanto che, a paragone, conviene persino scegliere una compagnia di bandiera e persino Alitalia.

Ma la compagnia si ritrova anche con numerosi problemi da affrontare, in primis i rapporti con i suoi lavoratori, che già hanno portato a tutta una serie di rimostranze e scioperi negli ultimi mesi.

Ed anche in questo agosto, dove il traffico aereo è molto intenso, i piloti della compagnia low-cost basati in Gran Bretagna hanno deciso di scioperare.

L’astensione dal lavoro è stata fissata dal sindacato autonomo di categoria Balpa (British Airline Pilots Association) per una durata di 48 ore fra il 22 e il 23 agosto e per ulteriori 60 ore fra il 2 e il 4 settembre. Previsti disagi per passeggeri dei numerosi voli Ryanair che collegano il Regno Unito con vari Paesi europei e non solo, inclusi diversi scali italiani.


Ma anche nel nostro paese ci sono diversi nodi da sciogliere, e non è escluso che anche nel nostro paese ci saranno rimostranze nelle prossime settimane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *