L’origine delle slot machine

Quante cose hanno in comune le slot machine e gli orologi a cucù? Molte di più di quante ne immaginate. Le prime slot trovano le loro origini nella Baviera tedesca, terra di grandi tradizioni nel campo degli orologi di precisione. È qui che nell’ottocento lavorava un tale Charles Fey, che spostatosi poi in Francia per degli studi musicali, inizia a lavorare alla progettazione di questo gioco innovativo che porterà poi con se nei primi anni 20 del 900 quando dalla Francia emigrerà negli Stati Uniti ed in particolare nel New Jersey. Così le slot machine sono arrivate in America. Inizialmente il loro nome era quello di Liberty Bell (campana della libertà) ed erano costituite da 5 rulli diversi sui quali erano disegnati simboli tratti dal poker. Questa soluzione però fu ritenuta troppo “ostica” per il grande pubblico e si arrivò quindi ad una riformulazione della struttura delle slot in cui erano presenti 3 rulli e cinque simboli ispirati ai diamanti, ai cuori, alla frutta ed agli animali.

Inizialmente le slot permettevano piccole vincite in denaro, 10 nikelini, successivamente, in piena epoca di proibizionismo, queste vincite furono sostituiti con premi in frutta e dolci. Da allora le slot si sono molto evolute sia in termini meramente tecnici sia per quello che riguarda al gestione delle vincite, per quanto però il meccanismo di base è rimasto lo stesso ideato da Charles Fey ovvero quello dei tre rulli che si muovono in maniera indipendente tra loro in modo da creare il massimo dell’aleatorietà all’interno di una partita. Oggi poi le slot hanno subito un profondo cambiamento passando da essere strumenti meccanici a macchine virtuali. Le slot sono infatti entrate a far parte dei casinò online, ma sono anche l’oggetto del gioco di molte applicazioni per i cellulari, dove è possibile imparare le regole di base senza spendere ma senza nemmeno vincere un solo euro. Su siti come giocareslot.it è possibile reperire tutte le informazioni per giocare alle slot machine digitali e vincere divertendosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.