La nuova privacy di WhatsApp lascia gli utenti disorientati

Gli utenti di WhatsApp stanno ricevendo un avviso in-app riguardante i nuovi termini e l’informativa sulla privacy del servizio. L’avviso parla di tre aggiornamenti chiave che influenzano il modo in cui WhatsApp elabora i tuoi dati, come le aziende possono utilizzare i servizi ospitati da Facebook per archiviare e gestire le loro chat di WhatsApp e come WhatsApp collaborerà presto con Facebook per offrono integrazioni più profonde tra tutti i prodotti di quest’ultimo. Rivela inoltre che queste modifiche entreranno in vigore l’8 febbraio e gli utenti non avranno altra scelta che accettare queste modifiche se desiderano continuare a utilizzare WhatsApp.

I nuovi termini e l’aggiornamento della politica sulla privacy si basano su un cambiamento simile annunciato da WhatsApp a luglio dello scorso anno. Tuttavia, nell’aggiornamento precedente, WhatsApp ha offerto agli utenti la possibilità di  “non condividere le informazioni del proprio account WhatsApp con Facebook”. Con l’ultimo aggiornamento, WhatsApp ha eliminato questa opzione e gli utenti dovranno accettare i nuovi termini e l’informativa sulla privacy se desiderano continuare a utilizzare la messaggistica istantanea.

Se accetti le modifiche, ecco tutte le informazioni che WhatsApp condividerà con altre società di Facebook: “Le informazioni che condividiamo con le altre società di Facebook includono le informazioni di registrazione del tuo account (come il tuo numero di telefono), i dati delle transazioni, le informazioni relative ai servizi, informazioni su come interagisci con gli altri (comprese le aziende) quando utilizzi i nostri Servizi, le informazioni sui dispositivi mobili, il tuo indirizzo IP e possono includere altre informazioni identificate nella sezione dell’Informativa sulla privacy intitolata “ Informazioni che raccogliamo ” o ottenute su avviso o sulla base di il tuo consenso. “

L’informativa sulla privacy aggiornata evidenzia ulteriormente come altre società di Facebook potrebbero utilizzare le informazioni raccolte da WhatsApp. Ciò comprende:

  • aiutare a migliorare le infrastrutture e i sistemi di consegna;
  • capire come vengono utilizzati i nostri Servizi oi loro;
  • promuovere la sicurezza, la protezione e l’integrità nei prodotti della società Facebook, ad esempio i sistemi di sicurezza e la lotta a spam, thread, abusi o attività di violazione;
  • migliorare i loro servizi e le tue esperienze di utilizzo, come darti suggerimenti (ad esempio, di amici o connessioni di gruppo, o di contenuti interessanti), personalizzare funzionalità e contenuti, aiutarti a completare acquisti e transazioni e mostrare offerte e annunci pertinenti su i Prodotti dell’azienda Facebook; e
  • fornendo integrazioni che ti consentono di connettere le tue esperienze WhatsApp con altri prodotti dell’azienda Facebook. Ad esempio, consentendoti di connettere il tuo account Facebook Pay per pagare cose su WhatsApp o consentendoti di chattare con i tuoi amici su altri prodotti aziendali di Facebook, come Portal, collegando il tuo account WhatsApp.

I nuovi termini di WhatsApp e la modifica della politica sulla privacy sono in linea con l’obiettivo più ampio di Facebook di fornire un’esperienza più coerente agli utenti in tutti i suoi servizi. Ma mentre le modifiche possono aiutare la società a fornire servizi “migliori”, solleva diversi problemi di privacy che non fanno ben sperare per la “Visione incentrata sulla privacy” di Facebook per Messenger, WhatsApp e Instagram. Fortunatamente per gli utenti nell’UE, queste modifiche alle norme non si applicano poiché WhatsApp deve rispettare i severi requisiti del GDPR .

Ti potrebbero interessare

Normativa GDPR per la privacy, se vuoi avere maggiori informazioni o negare il consenso clicca su "Informativa" oppure su Accetta per proseguire la navigazione