Come porteremo l’energia elettrica sulla Luna

Come porteremo energia elettrica sulla Luna

Se dovessimo tornare in pianta stabile sulla luna e costruire delle basi, uno dei problemi principali sarebbe la possibilità di avere a disposizione sempre l’energia elettrica.

Come avere l’energia elettrica sempre disponibile sulla luna

Molto probabilmente siamo lontani molti decenni dalla visione di essere umani in pianta stabile su altri pianeti, perchè allo stato attuale gli scienziati stanno risolvendo un problema molto importante, quello di rendere disponibile l’energia elettrica sul nostro satellite.

Gli scienziati devono rendere l’elettricità sulla luna sempre disponibile e mantenere la stabilità nonostante un ambiente completamente diverso da quello terrestre.

La più recente missione della NASA per conquistare lo spazio è in corso come parte del programma Artemis.

Questo per stabilire una presenza umana permanente sul nostro satellite naturale, che richiede un’ampia preparazione in conformità con l’infrastruttura. Uno dei suoi elementi chiave sarà la sfera energetica.

Gli specialisti associati ai Sandia National Laboratories stanno attualmente sviluppando speciali microgriglie elettriche.

Queste devono gestire la distribuzione dell’energia dai mini reattori nucleari della base lunare ai vari alloggi regolari ed ausiliari. Sarà un sito di prova la luna, prima di provare a fare lo stesso su Marte.

Non potrebbe essere gestito tutto solo da pannelli solari, l’energia sarà in gran parte generata da piccoli reattori nucleari.

Questi, a loro volta, dovranno essere collegati a qualcosa come una rete elettrica completa ma in miniatura, che sarà responsabile di garantire un accesso stabile all’energia sia nell’habitat che nel complesso minerario a diversi chilometri di distanza.

Le idee attuali per queste microgriglie includono lo sviluppo di due (per entrambe le regioni) simili a quelle presenti sulla Stazione Spaziale Internazionale e le collegano tra loro.

Non è noto se saranno alimentati in corrente continua o alternata e come procederà la regolazione energetica in rete.

Questo lavoro svilupperà prima un sistema di controllo con una specifica di accumulo di energia e quindi componenti che soddisfano queste specifiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.