L’assistente Apple Siri salva una bambina

assistente Apple Siri salva una bambina

Australia. Siri, l’assistente virtuale dei device Apple di ultima generazione, ha salvato la vita a una bambina. La piccola, di appena un anno d’età, aveva smesso di respirare nella notte, per fortuna la sua mamma Stacey Gleeson, se n’è accorta, ma presa dal panico non riusciva a trovare l’iPhone per chiamare soccorsi e ha pensato di attivare la chiamata dal comando vocale, con il classico “Hey, Siri!”.

Grazie all’attivazione dei comandi vocali dell’iPhone Stacey è riuscita comunque a contattare l’ambulanza, che si è subito recata sul posto dopo pochi minuti, mettendo in salvo la bimba.

L’innovativo assistente virtuale Siri funziona solamente sugli ultimi iPhone 6S e 6S Plus, iPhone SE e iPad Pro da 9,7 pollici. Per tutti gli altri dispositivi del brand dalla mela morsicata, l’assistente Siri può comunque essere attivata, ma c’è bisogno di tenere premuto il tasto centrale e iOS richiede invece il collegamento a una presa di corrente.

Intervistata al Daily Mail, Stacey ha commentato la vicenda, affermando che “tutti dovrebbero avere Siri a disposizione”.

Questo è uno dei tanti episodi nel quale si vede uno smarpthone salvare la vita a una persona: in passato si è sentito parlare di device che hanno miracolosamente bloccato un proiettile o a chiamare il soccorso alpino, “funzioni” non da poco per dei dispositivi sempre più indispensabili nel nostro quotidiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.